io ho una amica che vive di musica.
io so che quella spaccia lei è musica che fa bene.
lei produce cd, li produce nel senso che li assembla, mette insieme la musica e le parole e mischia il tutto con quel poco di cuore che ha.
e poi li regala.
regala i suoi cd agli amici, alle amiche e agli amanti.
io so solo che ogni suo cd è un dono, e non solo perché è regalato.
e poiché è amica mia anche lei è fissata con le parole e la cosa più bella di questi suoi cd sono i titoli, che farebbero invidia a qualsiasi gruppo o cantante.
tanto valeva andare fino in fondo: il titolo è il frutto di uno stupido gioco (che spiego qui). il primo cd, il capostipite. il titolo, datogli per caso, ha finito per avere così tanti significati che ora, a mesi di distanza, mi sembra quasi incredibile (cara D, sono andata fino in fondo, e ora sto bene qui, su questo fondo). un cd di canzoni fatte per resistere e andare avanti, per non scoraggiarsi e non perdersi d’animo, un cd da sentire da sole, libere di saltare come matte per la stanza.
il contrario di uno: una raccolta di canzoni cantate a due voci, regalo per il mio compleanno, per le nostre due voci che hanno "cantato" insieme questa estate.
nei pressi di babele: non due canzoni nella stessa lingua, nello stesso dialetto, canzoni per partire e scomparire nel mondo, canzoni per un sogno che ancora non si è realizzato.
d nuovo: cover di ogni tempo, per spiegare che talvolta l’amore ritorna e che la seconda volta magari è anche meglio della prima.
la mia amica D sa che la musica parla all’anima e sa che, oltre alle parole dette (che mai ci facciamo mancare, vi assicuro!) anche le parole cantate hanno un loro senso magico.
l’estate è finita, i concerti diradano, ma di musica ce n’è abbastanza per riempire tutto l’inverno.
grazie D.

Be Sociable, Share!

2 thoughts on “

  1. Ecco. E ora che mi hai incuriosito ci sarebbe anche modo di ascoltarli sti ciddi’?

  2. quasi tre mesi per mettere insieme le parole per dire semplicemente che questo post mi ha commosso…perch√® si √® vero vivo di musica…e ho un debito con chi della musica in questi anni mi ha fatto dono…un debito con napoli che mi ha insegnato suoni nuovi…un debito con te frank che la mia musica la accogli e la assorbi come fosse tua da sempre..e infine un credito con chi il mio d-nuovo non l’ha voluto

    d

Comments are closed.